venerdì 18 ottobre 2013

9 Team Building - "Hi Guys Challenge” Progetto Scuola di Simulazione Azienda Reale

 Scuola formativa di modellismo dinamico denominata
"Hi Guys Challenge  
il primo Simulatore di Azienda REALE

Team Building

Siamo internazionali oramai, usiamo termini stranieri per definire le attività, quindi oggi vi parlo di Team Building.

Cosa significa esattamente ?

Significa genericamente Costruzione del Gruppo, costituisce un insieme di attività formative, ludiche, esperienziali o di benessere, il cui scopo è la creazione o formazione di un gruppo di persone in sinergia.

Che ve ne sembra di questi esempi di Team Building ?
Sono dei Team vincenti ?
Conosco chi fa ancora meglio ! Possibile ? 
Certo che si, guarda il Video

E' una metodologia educativa che nel corso degli anni si è evoluta conquistando pareri favorevoli in tutto il mondo e soprattutto nelle Aziende e nello sviluppo delle organizzazioni.

L’ambito manageriale, da sempre attento alla qualità degli strumenti di formazione e addestramento delle risorse umane e dei gruppi, è stato il campo di applicazione maggiore sia sotto il punto di vista quantitativo che qualitativo.

Cosa si fa realmente in un’attività di Team Building 
Per lo più si gioca ! 
Fantastico allora giochiamo.

L’esempio più semplice è rappresentato dalle attività sportive o anche i più classici giochi di squadra conosciuti.
Gli sport di squadra, infatti, sono espressione di una metafora della vita aziendale.
Lo sport, di per sé, proietta in una dimensione di serena competizione che esalta curiosità e problem solving in Italiano Risoluzione dei Problemi. 
Una metafora del mondo economico che comporta una serie di relazioni sociali basate su: competenza, fiducia nella squadra, lealtà verso gli avversari, determinazione, definizione della strategia e della tattica di gioco.

Elementi interessanti di questo approccio sono l’accettazione delle regole del gioco, immagine delle regole aziendali e/o professionali. 
Le regole sono anche le procedure impartite dal management. 
Conoscerle con competenza amplifica la capacità di raggiungere gli obiettivi del team. L’adesione ad una strategia di gioco diventa così l’accettazione di una strategia aziendale (la difesa della palla, per esempio, può rappresentare la difesa generosa del know-how aziendale. La vittoria di una gara automobilistica, il raggiungimento di un obiettivo di fatturato).

La necessità di pervenire a decisioni rapide, a causa dell’evoluzione del gioco, facilita la visione di un mercato altamente competitivo dove flessibilità e aderenza ai bisogni dei consumatori sono valori aggiunti per l’azienda. 
Il gioco di squadra prevede anche un vincitore e il premio è parte integrante della psicologia della competizione sportiva. 
Ma al premio arriva alla squadra campione, cioè quella in cui sono eliminati ogni approccio individualista da battitore libero che contrasta con l’ottica del teamwork, così come in azienda il talento individuale deve essere messo al servizio della missione manageriale. 
Questo è l’atteggiamento causativo del leader.

Perché il lavoro di squadra? 
L’unione fa la forza” dice un vecchio detto popolare e dove c’è confronto e condivisione, c’è possibilità di crescita e di evoluzione. 
E si potrebbe continuare all’infinito con citazioni ed immagini metaforiche: 
l’evoluzione stessa della specie umana è dovuta alla creazione di comunità che avessero le stesse idee, obiettivi, valori.
“Costruire un insieme di persone diverse che, connesse tra loro con fiducia reciproca, possano esercitare un’influenza agendo verso comuni obiettivi”
Questa è la finalità principale del Team Building.

In ogni proposta di attività, si tende a valorizzare ed incentivare la capacità di lavorare armonicamente in un gruppo, ripercorrendo le fasi di costruzione dello stesso e il suo sviluppo, dalla definizione degli obiettivi alla verifica dell’attività o del risultato finale. 
La definizione dei ruoli, l’analisi e definizione dei problemi, le tecniche di problem solving e lo sviluppo della leadership personale, la gestione della comunicazione nel gruppo, l’ascolto attivo, il feedback, la partecipazione di ogni singolo elemento (brainstorming), sono tutte dinamiche che si ripropongono durante l’attività e i giochi, ma che potranno essere analizzate più serenamente una volta giunti nel posto di lavoro, o all'apertura di una propria attività a seguito della simulazione scolastica.


Buona giornata
Angelo
331 3895772